Derby!

0 178

In una discreta cornice di pubblico (almeno per gli standard del campionato FIHP promozionale), i Monsters di Coach Betti hanno sfidato gli Hot Wing s Milano, campioni in carica, nell’atteso derby del Village.
Le squadre si conoscono bene: qualche sgambata insieme in pre-season, un rapporto di amicizia che affonda le radici sin dalla nascita dei Monsters ma in partita, specie durante quelle ufficiali, la voglia è sempre quella di vincere.
Quest’anno poi, nessuna delle due squadre vuole sfigurare davanti a due spettatori d’eccezione, che da lassù hanno guardato la partita: Marino e Davide, uniti dalla passione per l’hockey e per la montagna, divisi dal derby del Village, presenti con le loro maglie e gli striscioni a loro dedicati, presenti nel ricordo dei loro compagni.
Venendo alla partita, entrambe le compagini portano in panca dieci giocatori di movimento. Coach Betti deve rinunciare ad Amoretti, e schiera i fratelli Salvatori, Lazzeri e Ferrari in prima linea e si fa affiancare da Vezzoli Bongini e Cazzamalli in seconda linea, con Dragoni e Depaoli a disposizione.
Da notare l’esordio assoluto in maglia Monsters per Marcella Cazzamalli, prima donna a vestire la casacca rossoblu.

Al di là dei sentimentalismi, è subito partita vera.
Otto secondi sono sufficienti ai Polli per andare in vantaggio ma al secondo minuto di gioco Capitan Marcello Salvatori riporta il risultato in equilibrio.
Al minuto 6.29 i Mostri mettono la freccia e sorpassano: proprio Miss Cazzamalli – con il numero 21 prestato dall’infortunato Frassanito – trova il varco giusto tra i gambali del goalie avversario e insacca il disco non trattenuto, tra lo stupore generale.
I Polli contestano la decisione arbitrale, e il sig. Fumagalli manda in panca puniti il numero 88 degli HWM per cattiva condotta.
Al minuto 9 gli HotWingsa pareggiano, ma Lazzeri prontamente ristabilisce le distanze con un’azione insistita delle sue.
A 4 secondi dalla sirena ancora Cazzamalli trova gloria finalizzando un assist al bacio di Coach Betti: 4 a 2 al primo intervallo.
Primo periodo spumeggiante ma che è solo l’antipasto di un secondo periodo davvero entusiasmante con ben nove gol messi a referto.
Le due squadre si fronteggiano a viso aperto, non si risparmiano e pattinano molto, soprattutto i Polletti che sfoderano una condizione atletica davvero invidiabile.
E’ Ferrari, su assistenza di Capitan Salvatori a portare i rossoblu sul 5 a 2. Ma gli HWM ci credono e accorciano subito le distanze portandosi sul 5-4.
I ragazzi di Coach Betti vacillano e provano a mettere un freno alle incursioni avversarie, ma ci riescono solo a tratti.
Ma quando ci riescono, non ce n’è per nessuno: nel giro di un minuto tra il 19esimo e il 20esimo si riportano a +3,  prima con il Colosso di Cesano aka Capitan Salvatori, poi con Betti, sempre assistito proprio dal Capitano, in superiorità numerica.
Tra il minuto 26 e il minuto 29 altre quattro marcature, due per parte, portano il risultato sul 9 a 6: per i Mostri vanno a  segno con Vezzoli e Coach Betti.
Al secondo intervallo i rossoblu arrivano dunque con tre gol di scarto, ma certamente la partita non è finita: i Polli ne hanno ancora e hanno dimostrato di non volersi arrendere, ribattendo colpo su colpo, azione su azione.
Favaro a più riprese ha chiesto maggior copertura dietro e lo stesso Coach Betti ha indottrinato i suoi a dovere: più attenzione in fase difensiva e più circolazione disco per gestire il risultato senza rinunciare ad attaccare.
Terzo periodo in realtà sottotono: il tema tattico è decisamente diverso, con i Polli all’arrembaggio e i Mostri chiusi dietro cercando di ripartire. Qualche emozione e qualche scintilla in pista, ma alla fine la sirena finale sancisce la vittoria rossoblu per 9 a 7.
Un successo sui “cugini” che mancava da qualche anno e fa piacere vedere sugli spalti a festeggiare, con tanto di birre, un bel mix di Mostri di vecchia e di nuova generazione.
Note positive per coach Betti: Marcella Cazzamalli, con due gol e un assist, si propone come un’ulteriore “freccia” a disposizione, Andy Salvatori pur a corto di energie si dimostra fondamentale in cabina di regia. Il Capitano è una certezza e si intende alla grande con Lazzeri (non era scontato dopo che i due non giocavano insieme da qualche tempo).
Serata agrodolce per Favaro, eccezionale in alcuni frangenti ma che paga l’utilizzo di un’attrezzatura prestata.
La stagione è ancora lunga, tre successi in tre partite possono far pensare che i Mostri sono sulla strada giusta, ma la miglior condizione atletica è ancora da trovare.
Next match: venerdì 13 febbraio @C.S. Saini – MightyPucks Rucellai vs HC Monsters Milano

Redazione

View all contributions by Redazione