Con le pive nel sacco

0 120
“Con le facce tese tutti incazzati neri / e con le pive nel sacco / persi in queste strade che sembrano sentieri / stanotte niente di fatto” (cit. 883).
Ieri in autogrill il clima era proprio quello cantato dal duo Pezzali-Repetto.
I Mostri sono tornati a casa con zero punti in tasca, un risultato peggiore dell’altra trasferta extralombarda (un punto con le Orche dello Skating Club Savona).
Con due linee contate e qualche forfait di troppo, il Presidente Restelli è costretto a cambiarsi e fare l’esordio a referto come giocatore.
Coach Betti, assente per motivi familiari, promuove per l’occasione Capitan Salvatori come vice-coach e schiera Favaro in porta, Salvatori Andrea-Bongini-Lazzeri-Salvatori M. in prima e Depaoli-Vezzoli-Fusco-Frassanito in seconda.
I padroni di casa dell’Old Style Torre Pellce sono invece al gran completo.
Il primo periodo è gradevole ed equilibrato, giocato con intelligenza da entrambe le compagini: i Mostri giocano coperti cercando si non subire troppo le sortite offensive avversarie e riescono abbastanza bene nel compito, se non fosse per l’acuto dei piemontesi (o meglio il buco difensivo dei milanesi) al settimo minuto.
Ma i Mostri sono in partita e non hanno nessuna voglia di mollare.
Capitan Salvatori incita i suoi, ma a 20 secondi inspiegabilmente all’inizio del secondo periodo subiscono l’affondo in solitario del numero 97 piemontese (4 gol e 10 assist in 47 partite giocate in questa stagione con i Valpellice Bulldogs tra Serie A e Coppa Italia di Hockey Ghiaccio).
Due azioni pericolose, due gol. I Mostri si mangiano le mani, ma non mollano di un centimetro: Coach Salvatori accelera le rotazioni e fa girare i suoi a 6 (3 davanti e 3 dietro): la mossa sortisce qualche effetto visto che Lazzeri accorcia le distanze insaccando dopo una bella azione personale. 
Tre minuti e i padroni di casa si portano sul 3-1: combinazione vincente che imbambola difesa e goalie rossoblu.
A tagliare le gambe degli ospiti, presi nel forcing per cercare di recuperare, la terza penalità per Fusco, che si accomoda in panca per 10 minuti. 
Con la formazione rimaneggiata, il Coach di giornata Salvatori Marcello sprona i suoi a non mollare, e di buttare il cuore oltre l’ostacolo.
I rossoblu tengono botta e riescono finalmente a sfruttare un powerplay: Frassanito disturba il goalie avversario e proprio il Colosso di Cesano Marcello Salvatori trova l’angolo giusto con un siluro del suo arsenale.
L’inerzia del match gira a favore degli ospiti e premia gli sforzi dei rossoblu che al minuto 41agguantano il pareggio con Andrea Salvatori che finalizza alla perfezione un assist di Lazzeri. 3-3 a meno di quattro minuti dalla fine.
Ma sul più bello, crollano i Monsters che subiscono un gol rocambolesco con dubbia deviazione di pattino, fino al gol del 5-3 che spezza definitivamente ogni tentativo di rimonta. 
A nulla servono gli ultimi sforzi, con uno stremato Andrea Salvatori (capitano di giornata al posto del fratello) che stringe i denti e rimane in pista nonostante il dolore.
Il cuore e le gambe non sono mancati. Con un po’ di testa e di attenzione in più si sarebbe potuto vincere.
Per fortuna il calendario prevede il recupero della 3 giornata di andata proprio contro il Torre Pellice, ma questa volta sulla pista amica del QuantaSport Village.
Riusciranno i Mostri a vendicarsi? Lo sapremo domenica 22 marzo, ore 13.
Come on Monsters, fight ‘till you die!
Redazione

View all contributions by Redazione