Maledizione piemontese

0 136

Ancora una volta gli Old Style Torre Pellice escono imbattuti dallo scontro con i Monsters.

Dopo la sconfitta di una settimana fa, i ragazzi di Coach Betti non riescono a vendicarsi e devono giocoforza accontentarsi di un pareggio.

In un insolito orario prandiale, i rossoblu si presentano in pista quasi al completo.

Assente Favaro, fa il suo esordio stagionale a difesa della gabbia il giovane Matjas Ulessi, con Ameletti backup.

Prima linea con i Fratelli Salvatori, Ferrari e Lazzeri, seconda linea con Betti-Vezzoli-Fusco-Cazzamalli e terza di rottura con Amoretti-Depaoli-Dragoni-Frassanito.

Torresi al completo, recuperano in extremis la portiera Montanari.

Partita subito viva, di fronte ad una discreta cornice di pubblico e agli ordini dell’arbitro e designatore Fumagalli.

Coach Betti chiede ai suoi di partire a razzo cercando di acquisire il risultato. Ma l’impresa non è facile, i piemontesi difendono con ordine e ripartono con accelerazioni improvvise, costringendo soprattutto gli attaccanti della prima linea ad un incessante lavoro di copertura difensiva.

Al quarto minuto Vezzoli sblocca l’incontro: azione personale innescata da Vinnie Fusco, con conclusione a rete nell’angolino. Una soddisfazione particolare per il Presidente, che ha recuperato nel cuore della notte il numero 10 rossoblu, reduce dalla trasferta a Cittadella con il Monleale, e gli ha consentito di essere in pista con i Monsters.

Il vantaggio da’ forza ai Mostri che provano a raddoppiare. I piemontesi si chiudono e bene e ripartono, costringendo sempre i padroni di casa al ripiegamento difensivo e sfiorando il pari con un legno clamoroso. A 6 secondi dalla fine del primo periodo Coach Betti prova la sassata da metà campo e sorprende l’esperta goalie giallonera. 2-0 e tutti a riposare.

I padroni di casa provano ad allungare e a mettere in ghiaccio la partita ma gli Old Style non mollano: passano indenni un penalty killing e al 25esimo accorciano le distanze. La partita sale di tono e intensità e i Mostri cercano a capofitto il gol ripristinare le giuste distanze senza esito e senza riuscire a sfruttare un’altra occasione in superiorità.

Al secondo intervallo Coach Betti chiede ai suoi testa e concretezza, perchè quando giocano coralmente i rossoblu non hanno rivali e l’hanno dimostrato.

Al minuto 35 è proprio l’allenatore meneghino che va in solitaria sulla destra, finta il tiro e mette in mezzo per l’accorrente Vinnie Fusco che appoggia con dolcezza il disco nella metà di porta sguarnita. Boato al Village e Mostri di nuovo a +2. Ma dura poco, perché al 38 esimo i piemontesi accorciano nuovamente. Capitan Salvatori, colpito sul volto da una palettata, e suo fratello Andrea (tornato dalla trasferta in Piemonte con la spalla malconcia) stringono i denti e rimangono in pista insieme ai compagni, nel tentativo di resistere agli attacchi degli Old Style Torre Pellice.

Sforzi vani perché gli ospiti trovano il pareggio, coronando la rimonta.

Gli ultimi 5 minuti i Mostri provano a riportarsi in vantaggio, ma non possono spingere quanto vorrebbero per evitare di subire il beffardo gol della sconfitta.

Al 45esimo il bottino è di un solo punto per la franchigia meneghina che sancisce il sorpasso degli HW Milano in classifica.

Coach Betti è davvero amareggiato per la gestione del vantaggio. Sicuramente la squadra ha lottato e ha dato tanto, ma dopo il pareggio con Savona e sperava che la lezione fosse stata compresa.

E invece bisogna ancora lavorare.

Redazione

View all contributions by Redazione